Mamme italiane dicono no ai concerti hardcore in casa

houseshow.jpg

Se vi siete mai chiesti perchè la tradizione dei concerti punk casalinghi non abbia mai preso piede nel nostro Paese finalmente adesso saprete il perchè. Uno studio sociologico dell’Università di Siena ha infatti individuato la causa principale di questo gap: la colpa è delle mamme.
Per un anno i ricercatori toscani hanno intervistato le famiglie di circa 70 organizzatori di concerti e alla domanda sul perchè non avessero mai fatto concerti in cucina o in garage come in tanti altri paesi, la risposta più frequente (oltre l’80%) è stata mia madre mi ammazza.
Venuti a conoscenza della ricerca, abbiamo contattato due madri di noti scenester per approfondire la questione. “Una volta mio figlio ci ha chiesto di uscire e tornare il giorno dopo per far suonare dei suoi amici – ci ha confessato Annunziata, casalinga di Catanzaro e madre di un noto organizzatore di concerti hardcore – ma quando ho capito di che si trattava l’ho mandato a letto senza cena, nessuno si azzardi a sporcare i muri, abbiamo appena ridipinto, e poi ci sono le bomboniere di nonna Palmina che si potrebbero rompere!”.
Le fa eco Giacomina, insegnante elementare di Voghera, che ricorda anche un vecchio aneddoto: “L’anno scorso mio figlio mi ha obbligato a ospitare un gruppo di zozzoni in tour e il giorno dopo ho scoperto che avevano pisciato sul nostro prezioso tappeto persiano e si erano bevuti tutti i liquori del mobiletto in salotto. Quando è tornato alla carica chiedendoci di ospitare nella nostra cucina un concerto lo abbiamo minacciato di non farlo più uscire e di fargli tagliare quell’orribile cresta”.
In conclusione, fate i duri e i punk quanto volete ma rassegnatevi, alla fine in Italia comandano le madri, anche nella scena punk.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s