Scienziati ricostruiscono volto dell’Uomo di Altamura e lo rinominano Homo Sludgensis

uomo altamura.jpg

L’Uomo di Altamura, il Neanderthal più antico mai scoperto finora, potrebbe essere l’anello di congiunzione a lungo cercato tra l’Uomo Sapiens e i fruitori italiani di sludge-doom. Queste le conclusioni a cui sono giunti i paleoantropologi olandesi che hanno ricostruito il suo volto, presentato ieri in una conferenza stampa a Firenze.
L’uomo, la cui mappatura del dna è stata realizzata in Italia, appariva secondo gli studiosi con capelli e barba incolti esattamente come gli attuali appassionati italiani del genere. Anche la forma delle orecchie denota, secondo gli studiosi, una predisposizione all’ascolto di suoni particolarmente amplificati, lenti e monotoni, così come il lobo frontale del cervello, area in cui quei suoni primitivi venivano sviluppati ed assimilati.
“Siamo molto soddisfatti di questo risultato, frutto di anni di ricerche e comparazioni con centinaia di profili di appassionati di doom in Italia” ha commentato uno degli studiosi. “Non sappiamo se l’Homo Sludgensis possa essere considerato una specie a parte, ma quello che è certo è che la scena sludge italiana ha finalmente un suo padre fondatore di cui essere orgogliosi”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s