Gestore di un’etichetta diy sottoposto a tso dopo ennesima mail in inglese inviata da un gruppo italiano

camiciaforza.jpg

Qualche volta anche un hobby potenzialmente piacevole come gestire un’etichetta hardcore diy può avere esiti spiacevoli. Ne sa qualcosa il titolare e fondatore di una label piemontese, che nei giorni scorsi è stato sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio a causa di una grave forma di esaurimento dovuta al crescente numero di mail in inglese inviate da gruppi italiani. Una storia potenzialmente comica, ma che è stata presa molto male dal povero ragazzo, che giorno dopo giorno si è reso conto che molti di quei gruppi che riempivano di complimenti le loro mail non avevano neanche idea che l’etichetta avesse la sua sede magari a pochi chilometri da loro.
Giorno dopo giorno la rabbia è montata fino all’esplosione finale del ragazzo, che a quanto raccontano i suoi genitori avrebbe distrutto gran parte della sua stanza e un numero imprecisato di dischi che aveva contribuito a produrre. “Non capivamo cosa diceva, era diventato una furia e abbiamo dovuto chiamare i soccorsi” ha confessato la madre del giovane, visibilmente scossa.
Adesso è ricoverato per accertamenti, dice che sta meglio ma noi non sappiamo se credergli, i medici hanno trovato nelle sue tasche un foglio con dei nomi di gruppi con dei teschi disegnati accanto. Siamo preoccupati per lui – ha concluso la donna trattenendo a fatica le lacrime -, e pensare che sembrava così felice ogni volta che partiva per qualche concerto con tutte quelle scatole”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s