Londra, passa la linea dura per punk italiani: “Se vince la Brexit saranno deportati”

punk londra.jpg

Si avvicina il 23 giugno, data del referendum sull’uscita della Gran Bretagna dell’Unione Europea, e aumentano i timori dei tanti punk italiani che sono fuggiti negli ultimi anni dal paese del sole a favore della brumosa terra d’Albione. La notizia odierna, destinata ad accendere il dibattito, è la previsione trapelata dal fronte favorevole alla Brexit attraverso un’intervista a Nigel Farage, noto politico euroscettico: “Anche il punk è un patrimonio britannico che va difeso. Negli ultimi anni Londra in particolare ha attirato zecche crestate da tutta Italia, gente che lì nessuno vuole e che qui ha fatto diventare invivibili le occupazioni e reso impossibile ai veri punk inglesi farsi pagare per le foto coi turisti a Piccadilly Circus”.
“Per questo – ha proseguito Farage – ho già ottenuto l’approvazione di una legge che prevede, in caso di nostra vittoria al referendum, che i punk italiani vengano deportati su carri bestiame nell’Isola di Jersey, sulla Manica, dove saranno lasciati al loro destino dopo che avranno pagato le spese di trasferimento e che avranno eretto una barriera elettrificata che gli impedirà di evadere”.
Ancora incredule le reazioni della controparte: alcuni noti personaggi italiani starebbero pensando a un cambio di look per depistare i controlli, mentre uno sparuto gruppo sembra aver già fatto perdere le sue tracce.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s