Proprietario di etichetta diy costruisce la sua nuova casa con i vinili ‘tenuti da parte’

casa_vinili.jpg
Dopo mesi di lavoro e anni di inutile attese nella speranza che fossero ritirati, Anacleto Banchetto, storico gestore di un’etichetta diy friulana, ha annunciato al mondo di aver completato la costruzione della prima casa al mondo interamente composta da vinili messi da parte e mai consegnati (nè pagati).
“Da tanti anni avevo il garage della casa dei miei genitori ingombro di dischi che gente da ogni parte d’Italia mi chiedeva di mettere da parte per quando ci saremmo visti. Con la mia distro giro molto per concerti ma stranamente queste persone poi ai concerti non vengono mai” ha confessato Banchetto ad un nostro collaboratore.
“Pensate – aggiunge – che c’è un ragazzo, Girolamo Amiconi, che via facebook ha prenotato tutte le mie uscite e ovviamente non s’è mai palesato per ritirarle. Dovrei arrabbiarmi ma non fa niente, cerco di mantenere un’attitudine mentale positiva. Del resto, anche altri miei colleghi sono nella stessa situazione, ma almeno io ho una casa nuova con sei stanze e tre bagni in vinile, compresa la tavoletta del gabinetto. E poi le fondamenta in vinile sono certificate antisismiche”.
Il fenomeno dei dischi messi da parte e mai ritirati ha assunto in Italia proporzioni inquietanti: secondo l’UDI (Unione Distraioli Italiani) il loro numero ha superato nel 2015 quello delle copie realmente vendute e ci sono casi di opere che sarebbero diventate disco d’oro se fossero state effettivamente acquistate come promesso. Di questo passo il futuro, secondo l’Unione, potrebbe essere quello dei dischi a noleggio, affittati solo per fare foto e poi postarle sui social network. A questo punto anche le presse che realizzano i dischi potrebbero divenire obsolete, lasciando spazio a delle semplici stampanti, al massimo in 3D.

2 thoughts on “Proprietario di etichetta diy costruisce la sua nuova casa con i vinili ‘tenuti da parte’

  1. Pingback: Gestore di etichetta diy risolve per sempre problema dei tavoli traballanti | Hardcorella Duemila

  2. Pingback: Gestore di distro vede per la prima volta una banconota da 50 euro | Hardcorella Duemila

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s