Gruppo di promoter passa le serate giocando a Gruppi, Locali, Città

Spesso si pensa ai promoter di concerti come a degli individui da cui sarebbe meglio stare alla larga, ossessionati dalla riuscita economica delle loro date e allo stesso tempo impegnati a sabotare quelle altrui, che godono nel pagare il meno possibile i gruppi che finiscono sotto le loro grinfie e a offrire loro cibo scaduto per cena e urina di mulo al posto della birra. Esistono casi del genere, tuttavia la maggior parte di loro sono creature in possesso di un cuore, che provano emozioni come tutti noi e che spesso per lenire le loro sofferenze finiscono per fare gruppo e sentirsi così meno soli.
Sono anche queste le motivazioni che per tutto l’inverno ormai terminato hanno spinto un piccolo gruppo di organizzatori di concerti in una grande città ad inaugurare la tradizione di vedersi in casa di uno di loro per giocare ad un nuovo passatempo, che hanno battezzato Gruppi, locali, città. Il gioco non è altro che una variante del classicissimo nomi, cose città con cui tutti passavamo tempo a scuola, ma ovviamente in versione musicale: estratta una lettera bisogna inserire un gruppo, un luogo per organizzarlo, che sia un locale o un centro sociale e la città. Gli inventori del gioco hanno aggiunto ovviamente diverse voci a rendere più difficile il tutto: la cena (bisogna indovinare il nome del cibo da dare ai gruppi), consumazioni, locandina (con il nome di chi dovrebbe farla), fonico (bisogna conoscerne parecchi ovviamente), accredito (qui c’è da trovare un nome tra quelli che lo chiedono sempre) e imprevisto (dal gruppo che dà buca, che si fa arrestare, alla rissa, passando per la chiusura del locale da parte della polizia o il suo allagamento).
Il gioco, inizialmente segreto per pochi, ha incominciato ad essere conosciuto nell’ambiente e già si parla di un torneo a livello nazionale. Tutto dipenderà da quanto resisterà all’arrivo del caldo ed al ritorno della voglia di stare fuori invece che in casa.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s