Polizia arresta cellula terroristica che stava tentando di riportare gli Ska-P in Italia

SkaP.jpg

Dalle prime ore dell’alba è in corso una vasta operazione dei nuclei antiterrorismo della polizia denominata “Legalegalization per Bologna” che ha portato all’arresto di un certo numero di persone legate ad una cellula terroristica che stava progettando il ritorno in Italia del gruppo spagnolo Ska-P. I terroristi, ramificati in varie città della Penisola, era da tempo impegnato nell’organizzazione di un festival oi e punk nel capoluogo emiliano, che già l’anno scorso aveva riscosso un certo successo; un’attività culturale, quindi, ma che in realtà faceva da copertura al criminale progetto di riportare sul suolo italiano il gruppo spagnolo, che ricordiamo fu bandito per legge dal Governo nel 2014 dopo l’ennesimo tour che aveva rappresentato uno dei punti più bui della storia culturale recente della Repubblica.
Nei primi anni 2000 la proposta della band madrilena trovò terreno fertile in Italia tra i No Global che trovavano Manu Chao troppo complicato da capire e favorirono con la loro esplosione la terribile piaga dei gruppi con ska nel nome e dello ska come genere per fricchettoni che credono di aver scoperto la porta d’accesso al punk dopo la vacanza estiva in Salento. Fortunatamente la società civile si ribellò a questo malcostume costringendo il gruppo ad anni di inattività fino ad uno sgradito ritorno nel 2008: ancora una volta i seguaci aumentarono ma anche in questo caso l’Italia dimostrò di possedere anticorpi ed il gruppo di fatto scomparve dai radar fino a poco tempo fa. Niente per cui stare tranquilli comunque, come la storia del terrorismo recente insegna: il gruppo sarebbe dovuto tornare a settembre a Bologna, ma fortunatamente l’attività investigativa dell’antiterrorismo ha dato i suoi frutti e adesso i fiancheggiatori italiani dello skabominio sono stati assicurati alla giustizia e prevedibilmente pagheranno a caro prezzo questo attentato alla cultura italiana.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s