Gruppo ignorato per anni esce dall’oblio grazie a svolta nazi del cantante

dumbrising.jpg

Dopo anni passati tra concerti deserti, dischi ignorati e noncuranza da parte di buona parte dell’ambiente che hanno portato al loro prematuro scioglimento, i Dumbrising, gruppo lombardo dedito ad un hardcore di stampo newyorkese mitigato da un marcato accento bresciano nel cantato, ha trovato finalmente la mossa di marketing azzeccata per far parlare di sé ed uscire dal dimenticatoio in cui erano stati relegati. L’idea, geniale senza alcun dubbio, è una bella virata politica a 180° da parte del loro frontman, che è passato in poco tempo dal suonare negli squat (dopo aver convinto per stanchezza un po’ di organizzatori) all’adesione all’ideologia nazifascista che tanto va di moda in Italia in questi brutti tempi. Ieri la bomba è scoppiata in tutta la sua virile potenza ma da mesi gli scaltri Sherlock Holmes della scena avevano notato timidi tentativi di dare il via a questa strategia di mercato, tipo il simpatico gioco del tricolore nella locandina dell’ultimo concerto del gruppo. La questione comunque non è di poco conto visto che il suddetto era amicone di molti e molto è anche l’imbarazzo in giro da parte di volti noti, tanto che la maggior parte dei vecchi sodali si sta affrettando a dichiarare che tutto sommato il cantante dei Dumbrising non era proprio un amico e comunque tutti possiedono solo il primo disco del gruppo.
A conti fatti comunque la strategia sta dando i suoi frutti e finalmente tutti almeno in Italia si stanno accorgendo della band: su Discogs molte copie dei loro lavori sono passati dal costo di 1 euro a 2 e già si vocifera che sia in cantiere uno split con i Peggiore Amico ed un’invitata in qualcuna di quelle belle serate intellettuali in cui i fascisti si prendono da soli a cinghiate. Solidarietà per gli insensati attacchi, inoltre, è stata espressa ai Dumbrising da parte di tutta la scena hardcore di Vigevano.
Cercheremo di seguire da vicino la vicenda sperando in aggiornamenti che movimentino questa monotonia di fine estate.

One thought on “Gruppo ignorato per anni esce dall’oblio grazie a svolta nazi del cantante

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s