Orologio che segna la data per la rivalutazione del nu metal spostato in avanti di altri 5 minuti

 

numetal.jpg

Analogamente all’orologio che tiene il conto alla rovescia delle ore che restano alla fine del mondo a causa dell’operato dell’uomo, forse non tutti sanno che esiste un altro simile dispositivo che è stato creato da un gruppo di scienziati per tenere conto del tempo che abbiamo a disposizione prima che il nu metal sia globalmente rivalutato e torni in auge con tutto il suo bagaglio di orrori che tutti vorremmo dimenticare per sempre.
Ebbene, la notizia di oggi è che questo orologio che segna l’avvicinamento alla catastrofe è stato portato avanti di 5 minuti; si avvicina, quindi, a meno che qualcuno non attui degli interventi decisi, il momento in cui non sarà più una vergogna ammettere al mondo che in passato si era fan sfegatati del nu metal e di tutti i suoi più diabolici esponenti. Molti sono i segnali che hanno indotto gli scienziati a spostare in avanti queste lancette: in giro si iniziano a rivedere tute Adidas e non sempre si tratta di spacciatori portoricani; la prematura morte di alcuni membri ha portato a un’improvvisa rivalutazione di gruppi che anche all’epoca sembravano improponibili (Linkin Park su tutti); molti metallari iniziano a dire che in fondo gli ultimi Slipknot sono quasi death metal. Ed ancora i migliaia di incoscienti che si rivedono divertiti il video dei Crazy Town o il cantante dei Disturbed che racconta come si fa i gargarismi e tutte le webzine pronte a darne notizia.
Se non pensate che sia abbastanza per preoccuparsi vuol dire che siete come quelli che dicono che il riscaldamento globale è una bufala e non ci conforta pensare che sarete tra i primi a pagarne le conseguenze. Non vi sembra abbastanza? In questo caso pensate per un attimo che c’è il rischio di ritrovarsi di nuovo i Linea 77 a suonare in giro, o che peggio il disco dei Tool che continua ad essere rimandato perché loro stessi si vergognano di farlo uscire veda finalmente la luce. Se siete d’accordo vi auguriamo una vita a portare pantaloni larghi, canottiera e treccine, senza neanche un rave dove drogarvi e dimenticare il guaio che avete contribuito a combinare

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s