Metallaro medio sollevato dal fatto che Kerry King preferisca la figa alla matematica

Sollievo nel mondo metal italiano dopo che ieri è stata diffusa la notizia che Kerry King, prima di diventare il chitarrista degli Slayer che tutti conosciamo, fosse da giovane un ottimo studente in particolare di matematica. Il rischio, temutissimo da ogni metalhead che si rispetti, è che a causa di questa predisposizione King potesse diventare un membro rispettato e produttivo della società e non un ultracinquantenne capace solo di plettrare come un assassino e di riempire di tribali discutibili qualsiasi cosa tocchi. In soccorso del giovane futuro eroe del metal però, è giunta la più provvidenziale ancora di salvezza: la figa, quell’entità che buona parte del mondo metal ignora ma che ciononostante costituisce uno dei suoi veri capisaldi insieme alla birra e, in misura minore, al satanismo del fine settimana. Grazie a questa entità sovrannaturale, King è scampato al pericolo di diventare un novello John Nash ed ha avuto modo di maturare la convinzione che l’unica cosa al mondo che può salvarci è il metal, ovviamente nella sua declinazione estrema.
Molti hanno già obiettato che si tratta di una non notizia, ma dal nostro punto di vista si tratta di una di quelle conferme che nel loro cuore tutti i metallari attendevano, soprattutto con l’arrivo di un 2019 che si annuncia ricco di incertezze. Ora sarebbe bello che King e Araya ammettessero al mondo che quelli senza Hanneman non sono i veri Slayer e potremmo dormire per un po’ tranquilli, ma è più probabile che il prossimo annuncio sia l’ennesimo ultimo tour mondiale. Cerchiamo di accontentarci.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s