Punk romanista si converte al depressive doom

Il binomio punk e calcio in Italia resta una costante che col passare degli anni non accenna a ridursi, anzi sempre più punk non vivono questi due interessi come una dicotomia o un’incoerenza. Da ieri notte, tuttavia, c’è chi ha iniziato a rivolgersi verso altri lidi che più si adattano alle sofferenze legate alla vita del tifoso.
In particolare da ieri un punk fervente tifoso della Roma ha iniziato la sua transizione verso il depressive doom, un genere musicale legato al male di vivere, alla disgrazia e in sintesi a tutto quello che può essere associato al perdere una partita con 6 gol di scarto contro una squadra teoricamente inferiore. Una tragedia imprevista, quindi, ma che è stata accolta dal punk tifoso oltre che con una certa rassegnazione anche come l’occasione per aprirsi a nuove sonorità anche più adatte alla lentezza con cui i giocatori della Roma vagano nel campo; magari sarà addirittura l’inizio di nuove amicizie legate a questa musica, forse meno legate ai veleni associati al tifo calcistico. Via quindi Ramones e Sex Pistols dal lettore mp3 e largo a Forgotten Tomb, Agalloch e Summoning nella speranza che le loro oscure melodie coprano con una nera coltre le vergogne di un’ennesima stagione senza gioie. Il prossimo passo, forse, la totale abiura del calcio, a meno che il vecchio capitano Totti non decida di tornare in campo, anche se dovesse accadere quando avrà 80 anni.


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s