L’elenco aggiornato delle scuse punk per vedere il Festival di Sanremo

Ieri è partita l’ennesima edizione dellimmarcescibile carrozzone noto come Festival di San Remo. Un appuntamento che a parole tutti disprezzano ma che per l’ennesima volta finisce per essere visto e commentato anche dalla gran parte degli esponenti della scena punk hardcore nostrana. E se ormai la solita scusa che l’anagramma di Sanremo è Ramones non regge più, abbiamo cercato di stilare un elenco di giustificazioni aggiornate all’adagio “Sanremo non mi piace ma…” che ricorda tanto il celebre “Non sono razzista ma…”.
Ecco quindi alcune frottole che potrete tirare fuori di fronte alle critiche dei vostri amici punk più radicali che magari potranno anche mettervi in pace con la coscienza:
– Volevo vedere Patty Pravo coi dread tipo la cantante dei Nausea;
– Mi avevano detto che Irama aveva la giacca con la toppa dei Call The Cops;
– I Negrita non erano punk?;
– La canzone di Achille Lauro all’inizio sembra una dei Green Day e giorni fa Dookie compiva 25 anni e la coincidenza non può essere casuale;
– Il gruppo salentino col nome impronunciabile sicuramente sono compagni;
– Achille Lauro anche se è tautato in faccia come i bimbiminkia ha un nome che fa abbastanza anni di piombo;
– gli Zen Circus hanno fatto un ep di cover punk e in fondo provano ancora a combinarsi come i New York Dolls;
– Simone Cristicchi se lo incroci in giro negli Usa puoi fare finta che sia il cantante degli At The Drive In.
Non riusciamo a trovare altro ma di sicuro è abbastanza per resistere una settimana senza scomodare la scusa della visione ironica. Quella ha smesso di essere una scusa valida nel 2003.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s