Topo obeso rimane incastrato nella cena per i gruppi e diventa parte del pasto

Dopo l’episodio che ha commosso il web accaduto in Germania, ieri sera un evento analogo riguardante un ratto in sovrappeso incastrato ha scosso le coscienze di un manipolo di giovani in un centro sociale di Milano, dove un malacapitato roditore è rimasto incastrato all’interno di una teglia di cannelloni senza riuscire ad emergerne. Allarmati dagli squittii, gli organizzatori responsabili del concerto e coloro che si erano occupati di preparare la cena sono accorsi, rendendosi conto immediatamente della gravità della situazione: “C’era questo ratto incastrato e si vedeva che era ben pasciuto, probabilmente saccheggiava le cene delle serate da giorni” riferisce uno di loro, aggiungendo: “A quel punto abbiamo indetto un’assemblea per decidere il da farsi e dopo due ore di discussioni, nonostante una certa spaccatura tra carnivori e vegan nel collettivo, a stretta maggioranza abbiamo scelto di salvare il topo”.
“Il problema però è sorto quando abbiamo provato a tirarlo fuori” prosegue. “Avete mai provato a tirar fuori un topo da un cannellone? Vi assicuro che non è affatto semplice. Dopo esserci resi conto di essere impossibilitati a liberarlo, abbiamo indetto un’altra assemblea che ha deciso dopo un’accesa discussione che non si potevano chiamare i pompieri per liberarlo, anche perchè i pompieri sono gli stessi infami che collaborano agli sgomberi. A quel punto, dopo la terza votazione, si è deciso di sacrificare il topo e aggiungerlo alla cena, anche perchè nel menù le proteine scarseggiavano. Speriamo che nessuno dei gruppi se ne sia accorto, ma dopo una seconda cottura era mascherato benissimo!”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s