Gli Affluente riconosciuti come unica prova reale dell’esistenza di Ascoli Piceno

Dopo molti anni di ricerche mai supportate da alcuna prova ufficiale, un gruppo di geografi appassionati di musica è riuscito finalmente a dimostrare con certezza l’esistenza di Ascoli Piceno. Una conferma che viene, grazie a questo team di ricerca, dopo secoli di dubbi e leggende metropolitane alimentate da una serie di fattori di cui era impossibile non tenere conto: la città marchigiana, pur essendo capoluogo di provincia, non risulta comparire in alcun primato nelle statitiche di qualsiasi tipo; nessuno ammette mai di esserci passato, così come alzi la mano chi ha mai conosciuto un suo abitante; le foto che la ritraggono potrebbero essere quelle di qualsiasi città del centro Italia; persino il suo piatto simbolo, l’oliva all’ascolana, sembra più un’invenzione frettolosa di qualcuno che vuole nascondere una verità inenarrabile che un cibo realmente esistente. Da qui la teoria sostenuta da anni da più di un sociologo in diversi saggi, che ipotizza letteralmente che Ascoli Piceno non sia mai esistita.
A spazzare via queste incertezze però è finalmente giunto il punk hardcore: l’unica prova che la città di Ascoli esista davvero è costituita dall’unico gruppo mai uscito dalle sue mura. Sono gli Affluente, band che dai primi anni ’90 con la sua presenza rende certo che questo luogo esiste e che dista sempre un certo numero di chilometri dalla città dove il gruppo andrà a suonare la prossima volta; della certa esistenza di Ascoli parla anche un celebre libro del suo primo cantante, Carlo Cannella, che nelle sue pagine descrive in maniera troppo viva (a dispetto del titolo, vabbè) e tangibile questo centro marchigiano perchè tutto ciò non possa essere vero. Si potrebbe obiettare che anche Mordor o Narnia sono descritte benissimo ma non esitono, ma fortunatamente tra i punk gli appassionati di fantasy non sono tanti, quindi ci auguriamo che questo non accada.
La realtà è che l’immaginario degli Affluente è tutt’altro che locale, anzi ha sempre avuto un orizzonte come minimo nazionale, ma anche questo non toglie meno peso al fatto che la loro stessa presenza fisica costituisca una prova. Mancherebbe qualche concerto in città per poter dire finalmente: “Si, Ascoli esiste, una volta ci ho suonato!”. Affluente, pensateci. oppure scriveteci una canzone.

2 thoughts on “Gli Affluente riconosciuti come unica prova reale dell’esistenza di Ascoli Piceno

  1. MA CHE CAZZO SCRIVI?! PER IL PUNK NEL 1978 ESISTEVANO I TELEBOYS, DI CUI HO STAMPATO UN EP CON QUATTRO TRACCE, POI DICTA TRISTA, NO GESTAPO, DESTROY TRADITION, TETANO, STIGE (DUE LP DI CUI UNO INEDITO), FURIOUS BARKING (UN 12″), UNA DECINA DI GRUPPI NEW WAVE A CAVALLO TRA IL 1981 E 1986 (DIVERSE TRACCE APPAIONO SULLA COMPILATION 391 MARCHE DELLA SPITTLE), NETWORK (UN 12″ STAMPATO SU SYNTHETIC SHADOWS), I SUPERFLUI (GARAGE PUNK, ALL’ATTIVO SINGOLI E BRANI SU COMPILATION), UFO DIKTATORZ (PUNK 77), ROCK’N’ROLL CLASS (PUNK 77) ETC…ETC….

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s