Band di codardi chiede di poter fare il soundcheck

Ieri sera, prima di un concerto che si sarebbe svolto a breve, un gruppo hardcore già attivo da qualche anno, i Rabbit Hearth, ha chiesto senza alcun rispetto per il fonico, gli organizzatori ed il pubblico che in parte era già arrivato se era possibile fare un soundcheck prima di suonare. I cinque vili che compongono il gruppo hanno giustificato questa richiesta con la scusa di avere in parte una nuova strumentazione e che quindi c’era necessità di essere sicuri che tutto funzionasse a dovere.
La richiesta ha lasciato senza parole tutti i presenti, consapevoli di quanto il soundcheck sia un rituale inutile e pedante e da anni abituati ad usare il tempo guadagnato tagliando questo momento in attività più utili come mangiare, ubriacarsi o fingere interazioni umane. Nonostante le riserve comunque, il fonico Dino Albino ha concesso alla band di codardi 15 minuti di ceck, durante i quali ha giustamente manomesso tutti i suoni per dare una lezione di vita (gratuita) al gruppo. In quel breve tempo la band ha fatto presente che sul palco non si sentiva bene niente e che non era normale che dalle spie arrivasse il rumore della friggitrice in cucina, ma Albino ha assicurato che era tutto normale per chi conosce la sala e che una volta che si riempie con il pubblico le cose sarebbero cambiate.
I Rabbit Hearth si sono esibiti due ore dopo senza riscuotere il minimo successo: secondo i non molti presenti, “era impossibile distinguere gli strumenti, la voce era quasi assente e nelle pause fischiava tutto”. Il gruppo ha provato a giustificarsi durante l’esibizione facendo presente che da dove vengono sono abituati a preparare i concerti in modo diverso e non a pregare fonici e organizzatori di poter fare il check, ma sono stati sommersi da fischi e lancio di oggetti di vario tipo. Per la cronaca durante i concerti degli altri gruppi in programma si sentiva ugualmente uno schifo, ma nessuno ha pensato di lamentarsi visto che tutti avevano considerato una perdita di tempo l’eventualitàù di un check e che comunque Dino Albino era sicuramente irreperibile.

2 thoughts on “Band di codardi chiede di poter fare il soundcheck

  1. Pingback: Band di codardi chiede se è possibile stampare il test press | Hardcorella Duemila

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s