Fondi russi, nei guai anche noto gruppo punk milanese

Spuntano nuove rivelazioni tra i file audio che sono stati diffusi ieri che riguardano un ingente flusso di denaro russo diretto in Italia a finanziare la politica istituzionale ma non solo. A quanto risulta da alcune intercettazioni pubblicate dal sito BuzzFeed, infatti, una non trascurabile quantità di finanziamenti occulti e probabilmente illeciti sarebbero giunti anche ad un gruppo punk hardcore milanese abbastanza noto sia nel nostro Paese che all’estero, dove è solito intraprendere lunghe tournee. In particolare, sarebbe al vaglio degli inquirenti il ruolo di un faccendiere dei bassifondi di Mosca noto come Nicolai Olivierov, che attraverso società facenti capo a Mosca da anni foraggerebbe il suddetto gruppo, riuscendo grazie al potere del denaro ad aumentare a dismisura la fama della band e a garantirgli, inoltre, un tenore di vita di solito impossibile a gruppi do it yourself che si barcamenano tra mille difficoltà per portare avanti i loro progetti: da anni infatti si vocifera che nei tour bus del suddetto gruppo non mancherebbero mai generi di lusso dalla provenienza esplicita come caviale del Volga e vodka delle migliori marche. In questo giro di corruzione rientrerebbero anche minacce che almeno un gruppo americano avrebbe ricevuto per pubblicare uno split insieme al gruppo meneghino.
A chi gioverebbe tutto questo? La teoria supportata dagli investigatori a questo punto porterebbe all’obiettivo di Putin e dell’oligarchia russa di sovietizzare il punk hardcore nazionale, renderlo un genere popolare e servirsene poi come cavallo di Troia per russizzare in seguito il resto della cultura italiana al fine di ottenere ancora più influenza politica dopo aver ottenuto la benevolenza delle generazioni più giovani.
Sul gruppo è bene specificare che non esistono capi di accusa al momento, se non certi sguardi notoriamente intimidatori del suo vocalist. E’ probabile però che i suoi componenti vengano presto chiamati a testimonianza dai giudici e che gran parte dei loro benefit possano essere sequestrati come prova della corruzione avvenuta.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s