Band di codardi chiede se è possibile stampare il test press

Tornano a far parlare di sè i Rabbit Heart, gruppo già balzato agli onori delle cronache per aver chiesto prima del loro ultimo concerto se era possibile effettuare il soundcheck. E’ di oggi infatti la notizia che la band abbia mandato in stampa il suo lavoro d’esordio che sarà stampato su vinile 12 pollici. Una tappa fondamentale di ogni gruppo, che tuttavia è stata funestata dall’ennesima codarda richiesta alla stamperia incaricata: contrariamente ad ogni buon senso, infatti, i Rabbit Heart hanno infatti chiesto alla fabbrica di stampare un test press. L’istanza è stata fatta dal gruppo con la scusa che si tratta del loro primo disco, che i quattro non si fidano troppo del fonico che li ha registrati (si tratta sempre di Dino Albino) e che sarebbe un dramma ritrovarsi con centinaia di dischi pronti che però si sentono male.
In parole povere, il gruppo di vigliacchi ha mandato a quel paese 30 anni di dischi punk pubblicati senza questo inutile rituale del test press solo per essere sicuri che si senta decentemente. Inutili le proteste della stamperia, che ha fatto notare come nessun test press sia mai stato mandato indietro, il gruppo è stato irremovibile, anzi ha aggiunto se era possibile averlo colorato. Sembra che il disco prova sarà poi messo in vendita su ebay a 500 euro per rientrare in parte delle spese di stampa, ma è difficile pensare che qualcuno vorrà mai spendere degli euro per la prova che i componenti di un gruppo sono dei vigliacchi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s