Occupanti del nuovo XM24 ancora alla ricerca di un nuovo Bar Luisa

Che il centro sociale bolognese XM24 abbia una nuova casa lo ha saputo praticamente tutto il mondo nello spazio di poche ore e quindi, oltre ad un doveroso in bocca al lupo, è inutile dilungarsi in inncipit che entrino nei particolari. Quello che conta, in sintesi, è che la tormentata vicenda di XM si sia arricchita nel weekend di un nuovo capitolo grazie all’occupazione di un’ex caserma abbandonata, uno spazio enorme che oltre un lustro fa era stato già al centro di un’occupazione abitativa come ha testimoniato il ritrovamento di un punk di cui non si avevano più notizie da 7 anni che si era semplicemente perso nell’enorme struttura e che è sopravvissuto, in tutti questi anni, nutrendosi di muschi e licheni fino al liberatorio arrivo dei nuovi compagni.
Questo ritrovamento, tuttavia, è stato solo un’inaspettata parentesi: dopo la messa in sicurezza degli spazi e dopo essersi aassicurati che i celerini che venerdì dormivano nell’hotel vicino non si accorgessero di niente, è infatti partita la vera prima complicata missione per i collettivi di XM24: trovare un nuovo Bar Luisa. Perchè il nulla che avanza va combattuto, ma senza neanche un caffè per svegliarsi la mattina o una birretta a fine serata per darsi la buonanotte tutto diventa più complicato e solo un luogo come il Bar Luisa può fungere da perfetto luogo amico a questa nuova occupazione. Per questo motivo, i collettivi hanno iniziato dal weekend un discreto lavoro di perlustrazione nei dintorni, nella speranza di trovare qualcosa anche di lontanamente simile allo storico bar; la ricerca a quanto sembra non ha avuto ancora gli esiti sperati e l’unico luogo vagamente simile risulta essere un ristorante cinese vicinissimo all’ex caserma, dove però nessuno ha avuto ancora il coraggio di mettere piede per paura che si riveli un covo di liberal e filoamericani simili a quelli che stanno conducendo le proteste ad Hong Kong.
La ricerca attraverso il nulla quindi prosegue, ma nell’attesa di trovare un bar solidale non resta esclusa l’ipotesi che il Luisa si trasferisca direttamente in via Ferrarese. Se Maometto non va alla montagna…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s