Gruppo adora il suono vintage delle custodie delle cassette che si rompono ogni volta che le portano in giro

A circa tre mesi dall’uscita del loro demo d’esordio su cassetta, i Broken Nuns, gruppo street punk di Voghera, sta lentamente maturando un amore per il suono caldo e vintage delle custodie che si rompono ogni volta che vengono prese e spostate da casa di uno dei membri ad un concerto, per poi tornare indietro e fare un giro analogo ogni volta che è prevista una nuova esibizione. Inzialmente il gruppo era contrariato dal ritrovarsi via via con un quantitativo crescente di copie invendibili perchè le custodie si erano rotte per colpa di un passaggio di mano maldestro, di un’aperatura incauta o seplicemente perchè da anni la lobby dei produttori di custorie per audiocassette ha deciso di ridurre del 33% il peso delle stesse in modo da risparmiare sui materiali e renderle quindi fragili come un uovo o poco più; col tempo tuttavia, ritrovandosi con quasi tutte le copie fallate, la band ha iniziato semplicemente a far finta che le custodie fossero intatte e se qualche possibile compratore provava a farlo notare per avere uno sconto, la risposta era sempre che si trattava di un difetto di fabbrica e che quindi quella cassetta in particolare era unica e sarebbe presto diventata un ambito oggetto di collezione, non appena il gruppo fosse asceso al rango di gruppo di culto.
“Avevamo scelto di far uscire il disco su cassetta perchè avesse un suono più sporco, ma non avevamo pensato al valore aggiunto del crack che fa la custodia ogni volta che il nostro chitarrista Kurt Cascaterra ne prende una e la fa cadere perchè ha la forza delle mani di un neonato. E’ un crack molto più caldo di quello che fa la puntina quando si posa sul disco”. Quanto ai danni materiali, i Broken Nuns sono sicuri che l’aspetto old school aiuterà le vendite, soprattutto quando le cassette oltre che danneggiate saranno anche impolverate. In realtà la soluzione potrebbe essere compare un portacassette, ma si trattederebbe indubbiamente di una scelta da poser.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s