Straight edge inserisce i nuovi biscotti alla Nutella tra le sostanze proibite

I biscotti alla Nutella messi in commercio di recente dalla Ferrero sono un argomento caldo da qualche giorno a questa parte. Tutti li vogliono provare e questa curiosità ha generato un surplus di domanda che ha causato la scomparsa del prodotto dagli scaffali dei supermercati e la contemporanea ricomparsa, a prezzi da bagarinaggio, nei negozi on line e su siti come Amazon.

Il fenomeno ha avuto scarsa risonanza nella nostra scena, tuttavia c’è chi ha studiato la situazione e ha dedotto che i nuovi biscotti siano assimilabili a una droga e quindi vadano banditi da parte di chi segue la dottrina straight edge. Di questo è fermamente convinto Tobia Morso, veterano straight edge di 21 anni, che è arrivato a questa conclusione attraverso una formula di sua invenzione che consiste nel moltiplicare la percentuale di dipendenza che dà la sostanza per la quantità di piacere che genera diviso l’interesse che ne hanno i tossici meno il numero di volte che occorre assumerla prima di diventarne succubi. Secondo questa formula i biscotti alla Nutella hanno un coefficiente pari a 78,5, superiore addirittura a eroina e altri tipi di oppiacei. “È un dato allarmante – ha raccontato il giovane – e ho intenzione di sottoporre questo risultato a tutti gli straight edge che conosco. Se li vedrò fare uso di quella sostanza dirò a tutti che hanno droppato”.

“Inoltre – conclude Morso – tutti sanno che la Nutella è fatta con un mix di sangue di maiale e sperma di balena nocciolosa e quindi oltre a dare dipendenza non è nemmeno veg. Mi batterò perchè sia bandita definitivamente dal nostro ambiente, al costo di passare per estremista e complottaro”.

Finora la comunità straight edge italiana e mondiale non ha espresso reazioni: alcuni temono che iniziare a proibire anche i dolci potrebbe essere la pietra tombale sul movimento, ma si sa che nella dottrina la coerenza ha sempre fatto rima con sofferenza e probabilmente quella della Nutella non è destinata ad essere l’ultima privazione.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s