Boss riconverte la sua produzione ed entra nel mercato dei sex toys

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 100

In un periodo di crisi economica che è appena iniziato e si prospetta ancora lungo, sono già molte e aziende che di fronte alla prospettiva della chiusura o del fallimento stanno provando delle parziali o totali riconversioni per insinuarsi in fette di mercato potenzialmente più redditizie.
Tra queste, da ieri, la popolare azienda di accessori per musicisti Boss, facente parte del gruppo Roland, che ha annunciato il lancio di una nuova linea di sex toys che verranno prodotti nei prossimi mesi bloccando di fatto la fabbricazione dei suoi iconici pedali ma che saranno comunque ispirati ad essi. Il primo modello un vibratore nero che prende le linee da un famoso distorsore che sarà in vendita entro quest’estate e garantirà, secondo i suoi ideatori, grandi soddisfazioni agli amanti del death della vecchia scuola, grazie ad un tipo di vibrazione unico nel suo genere e assolutamente senza possibilità di imitazione.
Se l’esperimento andrà bene, arriverà sul mercato un altro sex toy ispirato al delay (per chi ha bisogno di ritardanti), uno che prende spunto dal reverbero (pensato per chi ha l’eco da quelle parti) e un fuzz per gli amanti dei peli.
“Di questi tempi nessuno compra strumenti musicali ed era il momento di provare una nuova via” ha commentato il boss della Boss, Bruce Stiffstone, che ha aggiunto: “in particolare in giorni favorevoli alle seghe produrre un vibratore ispirato al suono di una sega elettrica era una scelta obbligata”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s