Bologna, parla il neo sindaco Minniti: “XM che?”

Minniti Skinhead è il candidato che alle primarie punk di Bologna ha sbaragliato con una campagna sfrontata tutta l’agguerrita concorrenza di candidati. Il suo successo è stato una sorpresa ma forse è uno dei frutti avvelenati dell’aria malsana che si respira in buona parte d’Italia. Non era quindi il caso di farsi scappare un’intervista a pochi giorni dall’insediamento per sapere quali sono i suoi progetti per la città, anche se il nuovo primo cittadino si è mostrato poco propenso ad approfondire e ancora molto legato agli slogan della campagna elettorale. Questo, comunque, è quanto emerso.

  • Signor sindaco, buongiorno e oi! Come si sente? E’ sorpreso di questa vittoria e considerato con chi parliamo quanto le è costata in termini di vite umane?
    (Minniti) – Nessuna rivoluzione che si rispetti viene fatta senza un po’ di sano spargimento di sangue.
  • Pensa che avrebbe comunque ottenuto la sua vittoria se non fosse stato l’unico candidato ad auto-votarsi e a chiedere d’essere votato?
    (Minniti) – Avrei comunque vinto perché avevo già studiato un piano di brogli in caso di sconfitta elettorale.
  • Considerata la sua storia personale inizierei con una domanda che ci sta molto a cuore: ma tutti questi fuorisede che bivaccano in città quando li rimpatriamo?
    (Minniti) – Propongo laurea d’onore a tutti i fuorisede a patto di levarsi dai coglioni entro la fine della pandemia
  • Queste elezioni sono state una battaglia tra chi vede Bologna punk, chi hardcore, chi metal, chi, come lei o Steno oi! Come si rapporterà con le altre anime della città? Ci sarà una pacificazione o punterà alla violenza contro di loro?
    (Minniti) – Steno avrà un ruolo nella mia giunta come assessore alla terza età, i metallari verranno rieducati negli ospizi da lui gestiti.
  • Nei nostri ambienti in questi anni Bologna è stata sinonimo di XM24. Da nuovo sindaco come si pone nei suoi confronti? Lo riapriamo oppure dobbiamo mandarle un quintale di sterco davanti al suo ufficio?
    (Minniti) – XM che?
  • Altra richiesta che viene da più parti è la riapertura di Atlantide. Lo facciamo questo sgarro alle vecchiette del quartiere che si lamentavano o l’ordine e il decoro l’avranno di nuovo vinta?
    (Minniti) – Atlantide verrà riaperto ma in uno spazio più stretto e angusto perché la location precedente risultava troppo dispersiva
  • Bologna è spesso stata una città che ha indicato la via a nuove forme di socialità. Pensa che il modello via Serlio sia esportabile in tutta Italia?
    (Minniti) – A mio cugino Ernesto verrà delegato il compito di diffondere disagio in tutti i condomini della città
  • Sempre parlando di eccellenze locali, è vero che sta progettando di trasferire il Consiglio Comunale al Bar Luisa?
    (Minniti) – Il bar Luisa non è più di moda, ora la balotta verrà trasferita al bar degli infami di via Mascarella.
  • Restando in Bolognina, gira voce che lei abbia progetti ben precisi per il contestatissimo Student Hotel. Conferma che sta pensando di ribattezzarlo Skinhead Hotel e di tenerlo aperto solo ai pelati?
    (Minniti) – Sì
  • Chiudiamo con una domanda più leggera, tutti ricordano le luminarie natalizie con i versi delle canzoni di Lucio Dalla. A chi toccherà quest’anno? E perchè proprio ai Nabat?
    (Minniti) – Come detto sopra Steno sarà l’Assessore alla terza età e lui si occuperà delle luci natalizie
  • Grazie della sua disponibilità, a lei l’ultima parola
    (Minniti) – Oi!
    Non avevamo dubbi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s