Fine settimana di caos nei supermercati per il lancio del servizio da tavola dei Carcass

Scene di ordinaria follia nello scorso weekend in numerosi supermercati italiani appartenenti ad una nota catena di distribuzione. Per tutto il fine settimana i punti vendita sono stati presi d’assalto dai clienti in concomitanza con il lancio, su scala nazionale, di una nuova raccolta punti con in palio un’edizione limitata e di grande pregio del servizio da tavola del gruppo metal inglese Carcass.
Solo 1000 i pezzi disponibili, che constano di due piatti, forchetta, coltello un cd sottobicchiere e, sembra, di un sacchetto per il vomito per preservare gli acquirenti dai possibili effetti di un artwork non proprio delicatissimo, e forse anche dalla qualità della proposta musicale che accompagna il set da libagione. Prevedibile, quindi, che i numerosi fan del gruppo e anche i collezionisti di oggettistica sui generis si siano fiondati fin dalle prime ore di sabato, intasando gli ingressi e generando l’ira di avventori e lavoratori, con il risultato, secondo i numeri forniti questa mattina dal ministero dell’Interno, di 6 arresti, oltre 200 feriti e un numero ancora imprecisato di denunciati a piede libero.
A scatenare il malcontento anche uno zoccolo duro di fan del gruppo, che ha urlato per ore non si sa a chi che i coltelli del set non sezionavano i cadaveri come era stato promesso dalle televendite: nei giorni scorsi, infatti, il noto chef Tony aveva mostrato sui canali tv come grazie a questo set fosse possibile tagliare tessuti morti “come un coltello caldo con il burro”. Giustificata, quindi, la frustrazione degli acquirenti che non sono riusciti neanche a sbucciare una mela con i presunti coltelli e che avrebbero sommerso di minacce di morte lo stesso innocente chef Tony.
Sui possibili strascichi dei disordini sono al lavoro i servizi segreti, che in ogni caso hanno fatto sapere che i possibili leader della protesta sono inoffensivi proprio perché al massimo forniti di coltelli che non tagliano e fomentati da musica tutto sommato innocua.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s